Lunga vita alle lenti degli occhiali!

Oggi parliamo di come allungare la vita delle lenti dei vostri occhiali.
Io stesso ho occhiali le cui lenti sono quasi paragonabili a lenti nuove, dopo ben 10 anni da quando le ho montate!

I punti chiave sono la corretta manutenzione e poche semplici accortezze.

A tal proposito vorrei ringraziare un lettore del blog che mi ha concesso di utilizzare una foto delle sue lenti che mi ha mandato tramite mail e che potrete vedere qua di fianco.
Mi chiese un parere su delle lenti e risposi dicendo la mia.
Nella successiva mail mi mostró lo stato delle sue lenti dopo 10 anni di uso.

Come si spiega tale livello di usura?
La spiegazione sta nel testo stesso della mail.


"Premetto che sono sempre stato “allergico” ai panni in microfibra, salviette imbevute e costosissime soluzioni spray pulisci lente.

Non penso sia una pulizia scorretta a rovinarle così - utilizzo dello scottex e spray vetri marcamodellox (eccellente, lo provi)."


Purtroppo é stata la pulizia scorretta.
I detergenti per vetri sono infatti piuttosto aggressivi e progettati per lavorare su superfici in vetro minerale.

Le lenti infrangibili e i trattamenti antiriflesso sono particolarmente sensibili alle aggressioni chimiche e termiche.

Le aggressioni chimiche non sono date solo dai detergenti aggressivi, come spray vetri o detersivo per piatti, la salsedine o vapori chimici. Una nota particolare va fatta sul sudore: se la lente in alcuni punti é particolarmente vicina alla pelle, nei punti di contatto e limitrofi il sudore potrebbe aggredire i trattamenti di superficie erodendoli un po' alla volta.

Per aggressioni termiche invece si intende tutto ció che puó scaldare gli occhiali. Non parlo delle temperature estive in se: i problemi insorgono se lasciamo gli occhiali in macchina e la macchina al sole (le auto diventano dei veri e propri forni)  o se cuciniamo di fronte alle braci o se apriamo il forno venendo inondati da una vampata di calore a 80 gradi.
Anche folti sbalzi termici possono essere intesi come aggressioni chimiche.

Infine attenzione alle ciglia! Se le ciglia toccano le lenti andremo inesorabilmente incontro a delle abrasioni in quel punto di contatto. Indossando gli occhiali 8 ore le ciglia toccherebbero la superficie 4000 volte al giorno, 1440000 in un anno: come l'acqua che scava la roccia le ciglia alla lunga creeranno abrasioni sulla parte interna della lente.

Infine fate attenzione a come appoggiate gli occhiali: le lenti non dovrebbero toccare alcuna superficie rigida. Anche in questo caso ci vuole un po'di tempo (meno che non le ciglia) ma si genererebbero abrasioni corrispondenti al centro ottico della lente.

Cosa si puó fare?
I detergenti dedicati, che potete trovare nei negozi, vanno benissimo.
Eventualmente potete usare acqua e sapone neutro per le mani. Va bene il sapone di Marsiglia, sciolto sulle dita e passato sulla lente. Da evitare detergenti con proprietá di scrub (abrasivi) e con creme idratanti (non fanno danni ma lasciano aloni).

Come panno potete usare le microfibre che vengono spesso fornite assieme agli occhiali. Sono morbide e dotate di un trama sufficientemente sottile da non intaccare la lente e al tempo stesso in grado di catturare le impuritá... ogni tanto, per ovvie ragioni, vanno lavate.

I danni sopra descritti non sono coperti dalla garanzia sulle lenti... e i laboratori se ne accorgono! Se l'ottico decide di cambiare le lenti in garanzia ringraziatelo perché non trattandosi di un difetto non sarebbe tenuto a farlo.

Se volete condividere le vostre esperienze sulla pulizia delle lenti o avete domande potete scriverlo qua sotto.

Commenti