Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta prevenzione

trattamenti sugli occhiali da sole

Immagine
Quarto capitolo. Trattamenti sulle lenti. Abbiamo visto come scegliere il colore della lente, l'intensitá del colore, e le normative che regolano il tutto.  
Riassunto Un filtro scuro é sufficiente a proteggerci? No.
Un filtro scuro regolato dalla normativa ISO del 2013 é sufficiente a proteggerci? Parzialmente.
Un filtro scuro, secondo normativa, certificato per il blocco totale dei raggi UV? Si (finalmente!), ma non dalla luce che si riflette sulle lenti! Questa ultima affermazione servirebbe ad introdurre i trattamenti antiriflesso, ma lo vedremo subito dopo la colorazione.
Colorazione Esistono diversi modi per colorare le lenti. Puó essere il materiale stesso ad essere colorato prima di creare una lente (occhiali da sole standard), o puó essere colorata in superficie (vetro oftalmico) o per assorbimento (lenti oftalmiche infrangibili). In quest'ultimo caso sarebbe meglio aggiungere anche i trattamenti di indurimento della superficie per stabilizzare il colore affinché non …

fumare fa male alla vista

Immagine
Ne parlai in un precedente post: fumare altera la lacrimazione.
Sappiamo che il fumo irrita le ghiandole lacrimali accessorie, alterando la qualitá della lacrima stessa
Un recente studio ha messo alla prova la capacitá di distinguere colori e sfumature di persone che fumano 20 sigarette al giorno, evidenziando che il consumo di prodotti con sostanze neurotossiche puó rendere meno efficiente la percezione dei colori. Sono stati proposti degli stimoli visivi a 63 fumatori e 71 non fumatori, tutti di etá compresa tra i 25 e 45 anni di ambo i sessi. A tali stimoli sono state evidenziate delle difficoltá nella percezione dei contrasti e dei colori blu-verde e rosso-giallo da parte dei fumatori
É stato ipotizzato che l'uso di sigarette abbia potuto ridurre l'efficienza delle retine e della circolazione del sangue nei capillari dei fumatori. Personalmente aggiungerei che anche la lacrimazione fa la sua parte nella percezione dei colori: le alterazioni della lacrima affaticano partico…

Visual training VS Visual training

Immagine
Vi sono molteplici tipo di "visual training". A cosa servono? Sono efficaci?
Nel corso degli anni, sia all'interno dei miei studi di optometria che nei corsi di aggiornamento sono venuto a conoscenza di molteplici realtá riguardanti la rieducazione visiva. In questo caso non prenderemo in esame quelle casistiche patologiche e che necessitano di esser seguite da team di oculisti e ortottisti ed eventuali altre figure professionali (optometristi, osteopati, dentisti).
Igiene visiva Si puó parlare di rieducazione visiva giá con il semplice atto di fare un uso corretto della vista: l'essere umano nasce per guardare a distanza ma ha la capacitá di focalizzare anche oggetti vicini; a causa dello sviluppo sociale e tecnologico é innegabile che abusiamo di quest'ultima opzione. Ecco che un primo passo di questa rieducazione serve a ricordarci di sollevare lo sguardo dal monitor per osservare qualcosa di distante.
Visual training Esistono peró situazioni dove sia necessa…

Prevenire la miopia tool

Immagine
Ho giá affrontato l'argomento dando il mio parere personale sulle varie pratiche. Voglio riaffrontarlo portando i dati di varie ricerche, raccolti in un tool, consultabile al seguente indirizzo: https://calculator.brienholdenvision.org/
É approsimativo ma puó fornire una idea... É sufficiente compilare i campi: Etnia.
Vi sono differenti studi e reazioni tra asiatici e caucasici.Etá.
in funzione dell'etá si ha uno sviluppo del corpo differente.Errore refrattivo.
Le diottrie in uso, correlate all'etá e all'etnia, indicheranno in che modo potrebbe svilupparsi la miopia.Sistema di controllo della miopia.
A seconda del tipo di sistema usato si possono avere maggiore o minore sviluppo.Il grafico indicherá in che modo si potrebbe sviluppare la miopia entro i 17 anni.
In rosso se non vi fosse alcun sistema di controllo applicato (solo uso di lenti monofocali). In verde con il sistema di controllo indicato.
Si noti che il grafico si allarga con l'avanzare dell'etá in quant…

Fa la doccia con le lenti a contatto.... e muore!

Immagine
Il titolo é un clickbait. Nessuno é mai morto per aver fatto la doccia con le lenti a contatto. Nessuno é mai morto, ma é diventato cieco. Quello si!
Da un annetto a questa parte fa notizia parlare di Acanthamoeba. Un parassita che si trova nell'acqua, anche quella potabile. Normalmente innocuo per gli occhi.... a meno che non colonizzi le lenti a contatto (basta una goccia d'acqua!). Ne parlai qua.
É successo ad Anversa, non Anversa degli Abruzzi; nonostante a darne notizia sia la redazione di Casteddu Online (Cagliari) si tratta di Anversa in Belgio.
Quindi attenzione all'uso delle lenti a contatto! Seguite scrupolosamente le istruzioni di profilassi e nel caso aveste dubbi rivolgetevi ad un medico oculista o almeno ad un  contattologo (meglio se é quello che vi segue) o un optometrista; ricordate comunque che queste ultime due figure non possono fare alcuna diagnosi, anche in presenza di patologie evidenti e che probabilmente  vi manderanno dall'oculista.
Ricordat…

Lenti decentrate: un rischio per la salute di tutto il corpo.

Immagine
Cosa succede se i centri ottici delle lenti non sono allineati agli occhi? Quali sono i limiti di tolleranza sui decentramenti? Come al solito non posso scrivere una sola riga a riguardo. Andiamo ad analizzare la questione punto per punto:
Cosa dice la legge? Secondo la legge le lenti hanno un limite di tolleranza di mezza diottria prismatica in orizzontale e di un quarto di diottria prismatica in verticale. Vi aspettavate un quantitativo in millimetri? La conversione é semplice: é sufficiente prendere la diottria prismatica, dividerla per il potere della lente e moltiplicare per 10. Ad esempio con delle lenti di +1 é tollerabile un decentramento di ben 5mm ((0,5dp/1d)*10) La scelta di usare diottrie prismatiche e non direttamente i millimetri é in funzione del fatto che il potere della lente influisce sull'efficacia del decentramento; maggiore sará il potere e minore il margine di errore.

Verticalmente la tolleranza é minore in quanto il corpo umano riesce difficilmente a gestire …

Lenti a contatto. Avvertenze.

Immagine
La contattologia é una cosa seria.
Almeno lo era considerata una volta, quando c'erano solo lenti a contatto rigide e le misurazioni erano meno precise di adesso. Applicare una lente a contatto era un'arte basata sull'osservazione di come si muoveva la lente di prova applicata all'occhio.
Oggi disponiamo di topografi in grado di definire con precisione la forma della cornea, abbiamo lenti tecnologicamente avanzate, piú sicure e confortevoli... e paradossalmente la contattologia ha smesso di essere una cosa seria.
Massacrata da internet Su amazon possiamo trovare una miriade di lenti a contatto di ogni potere, forma e colore. Le ordini, le applichi e rischi di fare infezione! Non per il prodotto in se (che non é detto sia controllato) ma per il fatto che ormai é diventata prassi ordinarle senza una logica, applicarle seguendo tutorial su youtube , provarle valutando soggettivamente quali siano piú comode. Parte della colpa va anche alle aziende produttrici che invitano …

l'acaro che causa blefariti

Immagine
Oggi parleremo di un piccolo parassita, imputato e forse responsabile di molte blefariti. Stando a wikipedia sono  generalmente causate da alimentazione scorretta, alterata secrezione delle ghiandole di meibomio malattie della pelle e vizi refrattivi non corretti, presenza di batteri e stress.
Ho udito medici dare la colpa all'aciditá di stomaco, ma questo forse potrebbe rientrare nei disordini alimentari.

Stress l'ho aggiunto io perché sono stato soggetto a blefariti e orzaioli solo durante gli esami di optometria che dovevo superare per conseguire il diploma. Non vi sono prove certe ma pare che ci siano correlazioni tra l'aumento delle colonie di questo acaro e la presenza di blefariti. Non vi sono studi scientifici (che io sappia) che dimostrino il rapporto causa effetto, ma nasce facilmente un ragionevole dubbio. L'acaroNormalmente non ho nulla contro gli acari, loro fanno la loro vita ed io la mia. Questo in particolare si chiama demodex.... ed é difficile non rite…

Controlli vista: quando dico che il "fai da te" é pericoloso é perché é pericoloso!

Immagine
Quando ero un semplice ottico sottovalutavo l'importanza dei controlli oculistici. Io stesso ho fatto la prima visita oculistica completa all'etá di 27 anni (decisamente tardi)!
Studiando optometria ho appreso che la misurazione della vista puó essere piú complessa di quanto sembri e ho rivalutato anche il ruolo dell'oculista come esperto di patologie dell'occhio.
Apro una breve parentesi: Durante il congresso interdisciplinare del 2018 un medico inglese ha parlato per un'ora di patologie del bordo palpebrale! Non della palpebra in generale ma solo del bordo! Son quelle situazioni in cui ci si rende conto di quante problematiche, solo all'apparenza simili, ci possano essere.
Pare  comunque che il 50% degli italiani non sia mai andato a farsi una visita oculistica. Se vi informate e siete finiti a leggere questo blog posso supporre che sia vostra abitudine prendervi cura dei vostri occhi. Molti peró lo fanno nel modo errato: Limitandosi alla lettura di a articol…

Diabete. Cosa puó andare storto?

Immagine
Oggi sono stato chiamato da fuori cittá... Molto fuori cittá! Un'altra regione! (per privacy non daró altri dettagli) Solo per chiedere un consiglio, un parere. Dialogo con questa persona al telefono, la quale mi spiega una serie di problematiche. Cerco di capirci qualcosa ma non posso sbilanciarmi. Salta fuori che di mezzo c'é il diabete.
Il diabete é una brutta bestia. Non conosco i dettagli e non saprei le differenze da quello di tipo 1 o tipo 2, del resto non sono un medico!
Ma alcune cosette (giusto un paio) credo di saperle. Le so perché centrano con gli occhi e di quelli ne vedo parecchi.
Dalla mia esperienza personale potrei azzardarmi a dire che il diabete fa tre cose agli occhi: andiamo a vederle punto per punto.
Varia il potere refrattivo, anche in breve tempo. Significa che una mattina ci vedo bene, 2 ore dopo ho bisogno di mettere gli occhiali, dopo 3 ore nemmeno quegli occhiali vanno bene. Queste repentine variazioni, se non ricordo male, sono legate alla quantit…

Ti é mai capitato di rimanere senza occhiali?

Immagine
A me no. Ma io sono circondato da occhiali!
Ogni tanto capita ai miei clienti.
Arrivano senza occhiali, nel panico perché senza non possono guidare o lavorare. E questo é un esempio di quanto la nostra vita quotidiana sia dipendente da una visione efficiente. Vorrei sottolineare la parola efficiente in quanto chiunque vede anche senza occhiali; ma vede sfocato. In certi casi doppio o "piatto".
Un occhiale di scorta puó essere utile anche durante l'attesa di una riparazione o dell'arrivo di un ricambio, ad esempio una astina puó anche impiegare un paio di settimane prima di arrivare (situazione in cui l'efficienza degli ottici passa in mano ai corrieri ed ai fornitori).
Ecco che suggerisco di avere sempre con se un paio di occhiali di scorta. Spesso i vecchi occhiali svolgono questa funzione, ma rappresentano un ruotino piú che una vera ruota di scorta (chi se lo ricorda il ruotino? Ho di recente scoperto che nemmeno vendono piú le auto con la ruota di scorta…

Bloccare la miopia? Cosa funziona e cosa no.

Immagine
Di tanto in tanto mi trovo a confrontarmi con medici che criticano alcune scelte degli optometristi.

C'é ancora una certa diffidenza da parte dei medici sulle pratiche di ortocheratologia (che da anni invece dimostrano la loro efficacia). Qualcun'altro invece non crede che con l'uso di lenti sottocorrette porti a ridurre l'avanzamento della miopia.
Di recente una cara amica, in occasione del controllo della vista del suo ragazzo, ha chiesto al medico oculista cosa ne pensasse del fatto che lei, per lavorare al pc, usasse gli occhiali precedenti (sottocorretti di 0,50).
Le é stato detto che non serve a nulla. In effetti questo articolo pubblicato su platform-optic.it dimostra che con addizioni di +1 o +2 sul potere della lente da lontano non vi sia stata una variazione significativa. Maggiore fu il contenimento della miopia nei soggetti che aveva una esoforia prossimale.
Nel 1985 Grosvenor, Perrigin e Maslovitz condussero su 212 bambini miopi uno studio, durato tre anni,…

I pericoli di halloween

Immagine
Come ogni anno arriva arriva la Festa Cristiana dei Santi... La quale si sovrappone ad Halloween.
Fonte Wikipedia: "È erroneo il pensiero comune che la festa di Halloween sia estranea alle tradizione italiane, invero usanze affini a quelle della moderna Halloween sono sempre state comuni in tutta Italia, anche se spesso si collocavano nella notte fra il 1º novembre e il 2 novembre."
Che siate favorevoli o meno vedrete molti giovani vestiti da fantasmi, vampiri e mostri. Io come ottico, optometrista e contattologo devo mettervi in guardia: molti costumi infatti integrano anche l'uso di lenti a contatto colorate.
Oltre al solito decalogo sulla manutenzione delle lenti a contatto e consigli per l'uso, devo ricordarvi che prima di applicare qualunque lente a contatto é doveroso sentire il parere di un oculista.
Purtroppo oggigiorno ci sono molti video su youtube che spiegano come fare a mettersi le lenti a contatto... Spesso tralasciando punti come quelli di igiene o consi…

Vista, sport, orientamento. Come potenziarci?

Immagine
Questi quavendono un nebbiogeno: un antifurto che alla sua attivazione genera una nebbia tanto fitta da impedire la visione.
Lo hanno istallato ad una manifestazione che si svolge sotto le mura di Treviso. Chi l'ha testato dice di aver provato sensazioni di disorientamento e smarrimento. Questo lo dico per farvi capire quanto il corpo sfrutti la vista per orientarsi nello spazio che ci circonda!
In assenza di riferimenti visivi non si riduce solo l'orientamento ma anche l'equilibrio
Al contrario una buona ed efficiente visione puó migliorare le prestazioni di tutto il corpo! Non é un caso se i migliori atleti, oltre agli allenamenti tradizionali, aggiungono esercizi di potenziamento visivo. Non si tratta di pratiche atte a migliorare direttamente i decimi (che indicano solo la risoluzione delle immagini) ma per aumentare l'efficienza nel puntamento ed inseguimento di bersagli, nella gestione dello spazio, nella coordinazione.
A tal proposito trovo doveroso segnalare Sp…

Alcune annotazioni sulla manutenzione delle lenti a contatto.

Immagine
Se non vi é bastato leggere delle infezioni di Acanthamoeba e Pseudomonas, ALOEO (Associazione Laureati in Ottica e Optometria) ha pubblicato un manifesto riportando alcuni consigli per il corretto uso delle lenti a contatto.

A tal proposito riporto anche il decalogo di regole che stilai tempo addietro Lavarsi le mani  (banale ma non sempre viene fatto) e asciugarele bene prima di toglierle o mettere le lenti (per evitare che la lente assorba liquidi dalle mani umide).Utilizzare i corretti liquidi di manutenzione per conservare le lenti (morbide e rigide hanno sistemi diversi; la soluzione salina  non é un conservante).Utilizzate la soluzione salina solo per risciacquare le lenti (sono soluzioni sterili isotoniche ma non hanno carica antibiotica sufficiente per permettere la sicura detersione delle lenti).Cambiate i liquidi quotidianamente, anche se non avete usato le lenti (per evitare che la carica antibiotica si esaurisca e vi sia crescita batterica).Cambiate le lenti entro i tempi…

11 Ottobre. Giornata mondiale della vista.

Immagine
Articolo breve, anzi brevissimo. Oggi, in data 11 ottobre 2018, si svolge la giornata mondiale della vista.
L’agenzia internazionale per la prevenzione della Cecità, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (Soi), offrirà visite gratuite per chi non ha mai fatto prevenzione (www.iapb.it).

Seguendo questo link avrete un elenco degli oftalmologi che aderiscono all'iniziativa offrendo i controlli gratuiti.
Qui invece troverete il sito ufficilale dedicato a questa giornata, dove potrete controllare gli eventi proposti (ad esempio vengono eseguiti degli screening nelle piazze).
Ricordo l'importanza di sottoporre gli occhi a controlli periodici, soprattutto per prevenire patologie che, se non diagnosticati con dovuto anticipo, possono danneggiare la vista irrimediabilmente.

La luce blu NON fa male alla vista... Sicuri?

Immagine
Stamane ho letto un articolo pubblicato su repubblica.it.
Nel titolo si afferma che la luce blu non fa male alla vista.
Si tratta di una affermazione della AAO American Academy of Ophtalmology, la quale critica una ricerca nell'universitá di Toledo, pubblicata su Scientific Reports,  spiegava come le frequenze dello spettro luminoso che noi percepiamo come colore blu, siano in grado di danneggiare alcune componenti retiniche. riporto e traduco al meglio delle mie capacitá quanto riportato dalla AAO:
Janet R. Sparrow professore delle scienze oftalmiche, patologia e biologia cellulare alla Columbia University di New York, segnala alcune note cautelative su questi studi: L'esperimento non simula cio che avviene All'interno degli occhi.Le cellule testate non sono derivate dalle cellule retinicheLe cellule testate non sono state esposte alla luce nello stesso modo in cui vengono esposte in natura.La parte di cullule (la mebrana cellulare) attaccata dal retinal (una variante della…

Si tuffa e perde la vista perché usava lenti a contatto. Facciamo chiarezza.

Immagine
Ultimamente google mi sta proponendo un sacco di notizie che hanno una cosa in comune: Usa le lenti a contatto in piscina, 39enne perde la vista da un occhioLenti a contatto, paura per la nuova infezione: «Si diventa ciechi, casi in rapido aumento»Cheratite da Acanthamoeba, così un’ameba ‘mangia’ gli occhi di chi porta le lenti a contattoSi tuffa in piscina con le lenti a contatto: Emma perde la vista ad un occhio
Cos'hanno in comune? Molte testate danno la colpa alla acanthamoeba.
Secondo me, invece, é la pessima manutenzione delle lenti a contatto e le pericolose abitudini dei portatori.

Innanzitutto la acanthamoeba non é ne un batterio ne un virus. É un protozoo e lo troviamo un po'ovunque, anche nell'acqua potabile!
L'acqua potabile in realtá é piena di potenziali agenti patogeni.

Ricordo che alle lezioni di ottica veniva citato spesso lo "pseudomonas", nome che generava ilaritá in noi studenti: la parola "mona", in dialetto veneto, indica volgar…